Home Rose (dal 2011-12)
Banner
Scritto da redazioneFC.it   

Calciomercato: tipi di trattative



COMPARTECIPAZIONE (o comproprietà)

Si cede un giocatore a metà. Metà cartellino lo detiene una società A, metà cartellino una seconda società B. Tra due società italiane, la comproprietà NON PUO' DURARE più di due anni.

Scaduti i due anni le ipotesi sono:
- La società A lo riscatta
- La società B lo riscatta
- La società A vende la sua metà ad un altra squadra
- La società B vende la sua metà ad un altra squadra
- Entrambe le società vendono la propria metà ad una terza squadra
Dopo il primo anno invece si può  rinnovare la comproprietà e decidere liberamente dove il giocatore dovrà disputare la stagione. Se non si raggiunge un accordo sul prezzo, in una determinata data nella sede della Lega ogni società scrive un prezzo in una busta chiusa. Chi avrà scritto il prezzo più alto prenderà il giocatore. Se la somma scritta è uguale, avrà il giocatore la squadra in cui egli ha militato nell'ultimo anno.

PRESTITO (o trasferimento a titolo temporaneo)
Un prestito è un passaggio di un giocatore ad una società a tempo limitato (che può andare dai 6 mesi fino ad un tempo illimitato). Il cartellino rimane comunque della società che lo presta. Lo stipendio, salvo diversi accordi, verrà pagato dalla società a cui viene prestato.

Prestito gratuito: identico al prestito; in genere però farsi dare un giocatore in prestito ha un costo. Il prestito è invece gratuito se una società presta un giocatore ad un'altra gratuitamente risparmiando così sullo stipendio.
Prestito con diritto di riscatto: Quando si presta un giocatore può essere un prestito semplice oppure a determinate condizioni; ad esempio se scaduto il periodo del prestito la società dove il giocatore ha giocato è soddisfatta di lui allora lo potrà acquistare a titolo definitivo ad un prezzo prefissato in partenza senza che la società titolare del cartellino possa opporsi. Qualora  invece la società non fosse soddisfatta il giocatore tornerebbe ovviamente indietro.


Acquisizione o cessione a titolo definitivo

La società acquista o vende definitivamente il diritto alle prestazioni sportive di un giocatore in cambio di soldi e/o cedendo il cartellino di uno o più giocatori in suo possesso.

Risoluzione del contratto o clausola rescissoria
Un giocatore risolve il contratto con la sua squadra prima della sua naturale scadenza ed è ingaggiabile senza dover pagare niente.

Svincolamento

Un giocatore senza contratto passa gratis (a parametro zero) a una squadra. Può accadere ad esempio quando un calciatore decide di cambiare squadra alla scadenza naturale del contratto con la sua squadra attuale. Tutto ciò è possibile grazie alla 
sentenza Bosman
 dal 1997. Prima di allora, il calciatore, seppur in scadenza di contratto, era comunque legato non contrattualmente alla sua ultima squadra, che riceveva dal nuovo team del suo vecchio calciatore un indennizzo di poco inferiore al reale valore di mercato del tesserato.

 Precontratto  

I giocatori che si svincolerebbero alla fine della stagione, hanno la possibilità di firmare un precontratto con un'altra società a partire dall'anno in cui il contratto ha termine. Esso non è però un trasferimento, ma un semplice contratto cautelativo.